INSEGNAMENTI con GYALTON RINPOCHE

NON C’E’ FELICITA’ SENZA COMPASSIONE

8 LUGLIO 2018

Il termine compassione, nell’immaginario collettivo, è ormai legato indissolubilmente al percorso spirituale Buddhista. Questo legame, in effetti, è autentico e profondo, anzi possiamo affermare, senza tema di smentite, che la compassione concorre a fondare il percorso del Buddha Dharma. Nonostante ciò però, ancora pochi hanno un’idea chiara di cosa significhi e che ruolo abbia la compassione nel sentiero Buddhista. Molti fraintendimenti derivano probabilmente dal termine stesso compassione usato dai traduttori per rendere il termine sanscrito karuna (tib. gning ge). Il termine originale (karuna) in realtà rimanda ad una qualità intrinseca della mente le cui implicazioni, anche pratiche ed operative, sono molto vaste e profonde. Lungi quindi dalla percezione generale di compassione a cui vengono associati genericamente aspetti di bontà e mitezza, la compassione nel percorso Buddhista è una precondizione imprescindibile per ottenere la felicità personale. Durante gli insegnamenti, Gyalton Rinpoche ci darà una chiara idea del concetto di karuna e del perché nel Buddha Dharma si ritenga che solo una mente compassionevole può realizzare uno stato di  felicà stabile. Durante la seconda parte degli insegnamenti Gyalton Rinpoche darà l’Abisheka (iniziazione) di Chenrezig che nel Buddhismo Vajrayana è considerato la manifestazione della Compassione Universale.

Gli insegnamenti sono aperti a tutti e non è necessario essere “Buddhisti” per partecipare all’Abisheka di Chenrezig.

Per chi ne facesse esplicita richiesta è possibile organizzare, prima dell’Abisheka, la cerimonia del Rifugio.

Gli insegnamenti saranno in inglese con traduzione in italiano.

Gyalton Rinpoche

L’attuale settimo Gyalton Rinpoche, Karma Palden Lungtok Trinley Rangye è nato in Sikkim ed è stato, nel 1983, riconosciuto come la reincarnazione dell’ultimo Gyalton Rinpoche da Sua Eminenza Tai Situ Rinpoche e ufficialmente proclamato ed insediato nel Tempio del palazzo della famiglia Reale del Sikkim in Gangtok.

A partire dal 1989 Gyalton Rinpoche si è trasferito nel monastero di Palpung Sherabling dove ha studiato per due anni sotto la guida di Tai Situ Rinpoche e Salshey Rinpoche. Trascorso questo periodo riprende gli studi regolari presso scuole laiche in lingua inglese fino ad arrivare all’Università orientando i sui studi verso le discipline scientifiche.Completati gli studi universitari prende la decisione di ritornare nel Monastero di Palpung Sherabling  per proseguire gli studi ed il percorso di pratica Buddhisti. Dal 2003 Gyalton Rinpoche è stato riconosciuto da Tai Situpa come il Maestro Vajra del Monastero di Palpung Sherabling. Nel 2014 ha completato il tradizionale ritiro lungo di tre anni e successivamente, oltre agli impegni istituzionali che il suo ruolo monastico gli impone, ha ampliato ulteriormente la sua attività di Dharma dando insegnamenti ed iniziazioni in tutto il mondo.

Per informazioni:

349.36.50.969  Chiara     339.201.47.76  Giulio

Luogo di svolgimento degli insegnamenti:

Presso Centro Studi SYN Via Chiesanuova 242/B, 35136 Padova

Programma:

Domenica 8 luglio

10:00 – 12:30: Non c’è felicità senza compassione

15:00 – 17:30 (circa): Abisheka (iniziazione) di Chenrezig

L’offerta suggerita per la giornata è di 30 € comprensiva della tessera associativa per chi non è ancora socio.

Chi avesse, per qualunque causa, difficoltà economiche, venga tranquillamente agli insegnamenti. Come indicatoci da Tai Situpa, il Dharma non può essere venduto e la quota suggerita è stata stimata al solo fine di ripagare le spese dell’evento e finanziare le attività del Centro.

Note:

Si accede scalzi nella sala in cui si svolgono gli insegnamenti e le pratiche, si consiglia di indossare abiti comodi e invitiamo coloro che possiedono un proprio cuscino da meditazione di portarlo con sé.

RITIRO DI STUDIO E PRATICA: LE CINQUE FAMIGLIE BUDDHA, I NOVE METODI PER STABILIZZARE LA MENTE E LE QUATTRO APPLICAZIONI DELLA MINDFULNESS (PRESENZA MENTALE) con LAMA WANGMO

2 – 3 GIUGNO 2018

Durante il ritiro  Lama Wangmo darà insegnamenti ed istruzioni su temi importanti per chi è coinvolto e/o interessato ad un percorso di Dharma: da una parte sarà affrontato, a livello introduttivo, l’argomento delle 5 famiglie Buddha che oltre ad essere un tassello fondamentale nell’ambito della visione Buddhista è anche un riferimento costante nella pratica, dall’altro sarà approfondita la riflessione sulla pratica di shinè (meditazione silenziosa finalizzata a rendere stabile la mente) con l’obiettivo di sviluppare nel praticante una visione sempre più profonda ed ampia del percorso meditativo.

La giornata di domenica sarà invece interamente dedicata allo studio ed alla pratica delle quattro applicazioni della presenza mentale (mindfulness). Esse si riferiscono agli “oggetti” su cui viene indirizzata la presenza mentale del meditante secondo le dettagliate istruzioni date dal Buddha Sakyamuni nel Sattipatthana Sutra (Sutra sui fondamenti ed applicazioni della presenza mentale).

Come sempre ai momenti di studio ed approfondimento sulla visione Buddhista del percorso, saranno associati momenti di pratica.  Il ritiro è aperto tutti e non richiede prerequisiti di nessun genere.

Lama Wangmo è una monaca slovena che dal 2000 studia e pratica Buddhismo sotto la guida del XII°  Kenting Tai Situ Rinpoche. Ha preso i voti monastici nel 2006 e su consiglio di Situ Rinpoche ha completato, in Sikkim, il tradizionale ritiro lungo di 3 anni e 3 mesi con la guida di Ringu Tulku Rinpoche. Lama Wangmo ha studiato  con molti dei grandi Maestri della tradizione Karma Kagyu come il XVII Karmapa, Ringu Tulku Rinpoche, Mingyur Rinpoche, Sangye Nyenpa Rinpoche. Ogni anno Lama Wangmo passa vari mesi in ritiro in India ed in Nepal per approfondire il suo studio e la sua pratica. Oltre allo studio ed alla pratica Lama Wangmo dedica, su suggerimento di Tai Situpa, parte del suo tempo all’insegnamento del Dharma.

Per informazioni:

349.36.50.969  Chiara     339.201.47.76  Giulio

Luogo di svolgimento degli insegnamenti:

PORTA DI LEGNO Via Santa Maria Assunta, 48 Padova (zona Guizza)

Programma:

Sabato 2 giugno

10:30 – 13:00: i nove metodi per stabilizzare la mente.

14:30 – 17:30: (circa): Introduzione alle cinque famiglie Buddha.

Domenica 3 giugno

10:30 – 13:00: le quattro applicazioni della mindfulness

14:30 – 17:30: (circa) le quattro applicazioni della mindfulness

L’offerta suggerita per l’intero fine settimana è di 40 € comprensiva della tessera associativa per chi non è ancora socio. E’ possibile partecipare anche ad una sola delle giornate (offerta suggerita 20 €)

Chi avesse, per qualunque causa, difficoltà economiche, venga tranquillamente agli insegnamenti. Come indicatoci da Tai Situpa, il Dharma non può essere venduto e la quota suggerita è stata stimata al solo fine di ripagare le spese dell’evento e finanziare le attività del Centro.

Note:

Si accede scalzi nella sala in cui si svolgono gli insegnamenti e le pratiche, si consiglia di indossare abiti comodi e invitiamo coloro che possiedono un proprio cuscino da meditazione di portarlo con sé.